Blog

Il vero Avatar

Avatar, cristo cosmicoSolitamente ci si riferisce con il termine Avatar a quelle che sono considerate grande incarnazioni, discese divine come Gesù, Krishna e altri più recenti e si fanno distinzioni tra avatar e avatar e loro funzioni definendoli completi ( purna ) o parziali.

Tuttavia sento di offrire una precisazione. Ad esempio Satya Sai Baba viene da molti considerato Purnavatar ( completo ). C’è da dire che la coscienza è il purnavatar e non la persona, sai baba per fare un esempio, o qualsiasi altro, non è un uomo ma la rappresentazione del principio coscienziale che è in te ed in ciascuno di noi, così come nessuno di noi è un uomo o una donna perché la persona è soltanto apparente. Spesso per via dell’associazione alla forma si ritiene che l’avatar sia la persona, l’anima individualizzata, ma il realtà il purnavatar è il principio coscienziale. Perciò non può esserci questa dinstinzione se non a livello concettuale e non può riferirsi ad una persona. Dire che Sai Baba è il purnavatar nel senso di persona o entità personificata o anima individualizzata è un’approssimazione e al contempo un velo sulla realtà sostanziale. Se si dice che Sai Baba, in quanto coscienza, è il purnavatar è corretto, ma tale può essere detto dello stesso principio atmico in ciascuno. L’avatar è l’io sono, l’essere, la coscienza presenza, e non può essere ne poorna ( completo ) ne parziale, è semplicemente ciò che è.

Il vero Avatar è dunque il seme coscienziale, la presenza perfetta, il riflesso puro del divino assoluto nel “cuore”, il “figlio”, l’essere che dimora identico in ogni creatura e che coincide con il padre madre perché non esiste dualismo, quella consapevolezza-osservante su cui ogni esperienza appare. E’ l’apparizione della coscienza-presenza, l’essere, l’io sono presente in ciascuno. Nei maestri tale principio splende completamente manifesto ma è bene ricordare che l’avatar non è una persona ma un principio: l’atman, il seme divino coscienziale. L’avatar è il Sé e tale principio è identico in Gesù, in krishna e in ogni altro essere. Meditare su tale principio e dimorare in esso stabilmente è lo scopo della meditazione ed equivale a realizzazione. Quando ogni concetto, modificazione e identificazione con qualcosa di diverso si dissolve nella calma luce interiore allora è la coscienza stessa ad affermare TAT TVAM ASI, tu sei quello, ti riscopri come essere sempre stato quello.

Sennar Karu