Blog

La comprensione del rapporto insegnante-allievo e allievo-insegnante

Bisogna sempre onorare i nostri padri e le nostre madri spirituali in un rapporto di gratitudine interiore, e onorare indifferentemente gli insegnanti e tutti gli esseri, i genitori, quelli che ci hanno preceduto e quelli che camminano con noi e quelli che verranno, riconoscendo un solo unico spirito divino universale. Con il crescere della maturità nel nostro cuore resterà immutato il sentimento di gratitudine e amore per i nostri insegnanti, riscopriamo l’unità con loro e con la verità dello spirito, ma comprendiamo che ciascuno di noi deve trovare il suo ingresso alla verità. Seguire l’insegnamento dei grandi maestri e dei grandi iniziati è una grande cosa, ma non deve essere una meccanica ripetizione. Occorre fare diretta esperienza della verità interiore che può, sebbene in essenza la stessa, essere di una profondità soggettiva. Lo scopo di ogni sentiero spirituale è Conosci Te Stesso. C’è comunque da dire che ogni essere approfondisce l’esperienza della sua verità interiore, anche i grandi maestri e iniziati. Questo significa che non c’è mai un rapporto unilaterale dall’insegnante all’allievo ma che la vita stessa è sempre uno scambio, un rapporto equilibrato insegnamento-apprendimento e apprendimento-insegnamento nel quale ogni essere, parte della fonte, ne beneficia <3

Sennar Karu

Two human silouhettes meditating in front of the earth by night

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *